“Il riutilizzo nella gestione dei rifiuti: come un male comune può divenire un bene comune”

La Rete O.N.U. (Rete Nazionale Operatori dell’Usato) Coordinamento Regionale del Lazio
e Occhio del Riciclone promuovono la Tavola Rotonda su:

“Il riutilizzo nella gestione dei rifiuti: come un male comune può divenire un bene comune”

GIOVEDI’ 12 LUGLIO 2012
ORE 18:30
VILLA MERCEDE (VIA TIBURTINA 113)
Palco Viola Roma Fringe Festival

Il settore dell’usato continua a svolgere un’importantissima funzione di inclusione sociale, rappresentando un’opportunità di impiego per tutti coloro che hanno difficoltà a entrare nel mercato del lavoro e non hanno capitali per avviare altre imprese.

La possibilità di reinventarsi una fonte di sostentamento attraverso la vendita di beni ed oggetti usati rappresenta ancor di più oggi una delle poche possibilità di reddito per una fascia crescente della popolazione e un’ efficace strumento di contrasto alle nuove povertà.

Nel settore dell’usato trovano occasione d’impiego, seppur molto spesso informalmente, migranti, rom, ultracinquantenni disoccupati e anziani con pensione insufficiente, ex tossico dipendenti, ex detenuti, invalidi, soggetti a forte rischio di esclusione economica e sociale.

Il settore dell’usato è potenzialmente una buona opportunità anche per gli studenti che hanno bisogno di reddito e per artisti e artigiani che si cimentano nel riuso creativo degli scarti, ma anche per chi per semplice passione e voglia di stare assieme apprezza il clima di socialità che si respira nei mercati dell’usato entrandone a far parte esponendo oggetti e beni ritrovati nella cantina o nella soffitta di casa, di cui ha la necessità di disfarsi, ma che non vuole finiscano gettati in un cassonetto.
I mercati dell’usato sono divenuti inoltre uno dei principali luoghi d’incontro tra etnie, generazioni e classi sociali, e l’attività dei suoi operatori consente il recupero e la sopravvivenza della cultura materiale del nostro passato, facendo rivivere quegli oggetti che popolavano l’esistenza dei nostri genitori, nonni e bisnonni.

Grazie a quest’esercito pacifico ma agguerrito ogni anno decine di migliaia di tonnellate di beni post-consumo vengono restituite ad una seconda vita, fornendo una delle risposte più efficaci e concrete all’emergenza ambientale della nostra epoca rappresentata dall’ enorme produzione di rifiuti.

Partendo dalle buone pratiche avviate in alcune aree del Paese, come nel Comune di Torino, la Rete ONU Coordinamento Regionale del Lazio e Occhio del Riciclone invita i rappresentanti dell’ amministrazione locale del Municipio Roma III, le associazioni, i cittadini e gli operatori del settore ad una tavola rotonda sull’istituzione di Aree di Libero Scambio dedicate all’usato come efficace risposta alla crisi economica, sociale e ambientale.

INTERVERRANNO ALL’INIZIATIVA
FRANCESCA DEL BELLO VICE PRESIDENTE MUNICIPIO ROMA III CON DELEGA ALL’ AMBIENTE

GUIDO CAPRARO ASSESSORE POLITICHE SOCIALI MUNICIPIO ROMA III

MARIO GIANCOTTI MEMBRO COMMISSIONE AMBIENTE, AREE VERDI, MOBILITA’ MUNICIPIO ROMA III

ANTONIO CONTI PORTAVOCE RETE NAZIONALE DEGLI OPERATORI DELL’USATO (RETE ONU)

GIANFRANCO BONGIOVANNI (OCCHIO DEL RICICLONE)

Per info e contatti
www.reteonu.it
info.reteonu@gmail.com

www.occhiodelriciclone.com
riusare@yahoo.it
3471217942

Share this Post: Facebook Twitter Pinterest Google Plus StumbleUpon Reddit RSS Email

Related Posts